Libro d'ombra

by Junichiro Tanizachi

Blurb

“Fra i sensi l’Occidente ha privilegiato la vista, da cui è partito per la sua geometrizzazione dell’esperienza, e ha così svalutato altre sensazioni (auditive, olfattive, tattili eccetera). È contro tale guasto, o squilibrio, nell’ecologia della sensibilità, che Tanizaki reagisce in Libro d’ombra, polemizzando contro gli eccessi dell’illuminazione elettrica e opponendo, a un mondo di nude superfici radiose, un universo acquietante della consistenza e della densità, avvolto da ombre (di gabinetti, di monasteri, di case delle geishe) descritte a una a una, come un campionario di stoffe pesanti e pregiate. Leggendo questo saggio ci si rende conto di come tutta la nostra civiltà, tutta la nostra vita quotidiana, e dunque anche l’idea che ci facciamo del piacere, siano fondate sull’irritazione di alcuni sensi e sull’atrofizzazione di altri, mai su un tentativo di armonizzazione.”
(Dalla nota di Giovanni Mariotti)

First Published

1933

Member Reviews Write your own review

Be the first person to review

Log in to comment